CARTAMAGNA SRL SB

Cartamagna S.r.l. Società Benefit

VENDITA/ACQUISTO/DISTRIBUZIONE GRATUITA LIBRI SCOLASTICI

PORTALE E-COMMERCE

Visita il sito LIBRIUSATI.STORE

INIZIO ATTIVITA'

Gennaio 2019

INFO

Cartamagna S.r.l. Società Benefit P.IVA 15111121008 REA RM-1568561 Cap.Soc. € 10.000 i.v.
Cos'è una Società Benefit

Le Società Benefit (SB) rappresentano una evoluzione del concetto stesso di azienda. Mentre le società tradizionali esistono con l’unico scopo di distribuire dividendi agli azionisti, le società benefit sono espressione di un paradigma più evoluto: integrano nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera. Una Società Benefit è un nuovo strumento legale che crea una solida base per l’allineamento della missione nel lungo termine e la creazione di valore condiviso. Le società benefit proteggono la missione in caso di aumenti di capitale e cambi di leadership, creano una maggiore flessibilità nel valutare i potenziali di vendita e consentono di mantenere la missione anche in caso di passaggi generazionali o quotazione in borsa. Non si tratta di Imprese Sociali o di una evoluzione del non profit, ma di una trasformazione positiva dei modelli dominanti di impresa a scopo di lucro, per renderli più adeguati alle sfide e alle opportunità dei mercati del XXI secolo. Dal gennaio 2016 l’Italia ha introdotto, prima in Europa e prima al mondo fuori dagli USA (dove la forma giuridica di Benefit Corporation, equivalente alla Società Benefit italiana, è stata introdotta dal 2010 e ora esiste in 33 Stati), la Società Benefit per consentire a imprenditori, manager, azionisti e investitori di proteggere la missione dell’azienda e distinguersi sul mercato rispetto a tutte le altre forme societarie attraverso una forma giuridica virtuosa e innovativa.

Relazione d'Impatto

Per soddisfare i requisiti di trasparenza della legislazione, le Società Benefit sono tenute a redigere la relazione annuale di impatto da allegare al bilancio e pubblicare sul sito aziendale. Per essere correttamente redatta la relazione di impatto deve includere: la descrizione degli obiettivi specifici, delle modalità e delle azioni attuati dagli amministratori per il perseguimento delle finalità di beneficio comune e delle eventuali circostanze che lo hanno impedito o rallentato; la valutazione dell’impatto generato utilizzando lo standard di valutazione esterno con caratteristiche descritte nell’allegato 4 della legge e che comprende le aree di valutazione identificate nell’allegato 5 (governo d’impresa, lavoratori, altri portatori d’interesse, ambiente)* una sezione dedicata alla descrizione dei nuovi obiettivi che la società intende perseguire nell’esercizio successivo. *La legge ha adottato come riferimento per la relazione di impatto l’architettura del B Impact Assessment (BIA), sviluppato a partire dal 2006 da B Lab, specificamente le Benefit Corporation per misurarne gli impatti. Il B Impact Assessment è fondato dalle origini su principi di materialità. Questo strumento è disponibile gratuitamente, anche in Italiano, ed è già stato adottato da oltre 70.000 aziende nel mondo. Tuttavia altri standard, purché soddisfino i requisiti di correttezza, trasparenza e completezza, possono essere utilizzati, trovate qui alcuni riferimenti. La legge sulle Società Benefit specifica gli obblighi di reportistica ai commi 383 e 384. I requisiti di trasparenza servono non solo per informare il pubblico sugli impatti sociali e ambientali complessivi della Società Benefit, ma anche per informare amministratori e responsabili dell’impatto in modo che siano meglio in grado di esercitare il loro ruolo, e gli azionisti in modo che possano esercitare i loro diritti. La corretta redazione e pubblicazione della relazione di impatto diventa strumento fondamentale per le Società Benefit per adempiere agli obblighi di trasparenza rispetto alla creazione di beneficio comune, sia generale che specifico. Le Società Benefit sono soggette alle disposizioni in materia di pubblicità ingannevole e al controllo da parte dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato.